20 Luglio 2024
Share Button

Nella quarta prova del Campionato Italiano di Velocità a Misano si
impongono:  Pellino (Aprilia) 125 G.P. – Dionisi (Suzuki) Superstock –
Roccoli (Yamaha) 600 Super Sport – Borciani (Ducati) Superbike.

Misano  24 giugno – In una giornata calda ma mitigata da una leggera brezza marina, il nuovo Misano World Circuit ha ospitato la terza tappa del Campionato Italiano Velocità. Le vittorie sono andate all’umbro Gioele Pellino (Aprilia – Roma Racing) classe 125 G.P. Marvic, al romano Ilario Dionisi (Suzuki – Cruciani Moto) classe Superstock motociv.com e al riminese Massimo Roccoli (Yamaha – Team Italia) classe 600 Super Sport Rapid Bike. Poker del bresciano Marco Borciani (Ducati – Sterilgarda) nella Superbike PBR EK.

Dopo un inizio di campionato non proprio felice nelle quattro tempi, Gioele Pellino rientra nella ottavo di  litro e va subito a segno vincendo una gara bellissima e combattutissima fino alla bandiera a scacchi. Protagonista della corsa oltre al pilota di Foligno, anche il romano Federico Biaggi (Friba), nipote del quattro volte iridato Max che ha chiuso secondo per soli 19 millesimi, dopo essere stato a lungo in testa alla corsa. Terza piazza per Simone Sancioni che nonostante le non perfette condizioni fisiche è tornato al comando del campionato.
La svolta della corsa al settimo passaggio quando vanno lunghi due dei principali attori: Lamborghini (Aprilia JGP Racing Dream) e Roberto Lacalendola (Aprilia – Ellegi Racing Team), il primo cade, mentre il secondo rientra quinto e in questa posizione finisce la corsa che gli permette però di mantenersi in piena lotta per il titolo tricolore. 

Nella classe Superstock 1000 motociv.com prima vittoria tricolore per il ventitreenne romano Ilario Dionisi (Suzuki – Cruciani) che, con un sorpasso all’inizio del penultimo giro, ha risolto a suo favore lo spettacolare duello ingaggiato con il pugliese Michele Pirro (Yamaha – Team Italia).  Per nove giri ha guidato la corsa il marchigiano Matteo Baiocco (Yamaha), poi costretto al ritiro per un problema meccanico. Ne ha approfittato Pirro che però, anche a causa di dolori alle braccia, non è riuscito ad arginare gli attacchi del laziale. Completa il podio l’altro romano Terence Toti (Yamaha – De Marco). Pirro allunga comunque in classifica generale su Baiocco e  Dionisi.
 
Massimo Roccoli (Yamaha – Team Italia) dopo l’ottimo quarto posto di una settimana fa nella prova iridata della Super Sport, si impone sullo stesso tracciato nella gara tricolore e fa un importante passo avanti verso la riconferma del casco tricolore. Dietro il riminese hanno chiuso nell’ordine il marchigiano Stefano Cruciani (Honda – Improve Racing) e il lucano Gianluca Vizziello (Yamaha – RG Team). La gara ha visto alcuni protagonisti di primo piano, fra i quali Sebastiano Zerbo, Alessandro Brannetti e Camillo Mariottini, uscire di scena a metà del primo giro per una scivolata che ha coinvolto  otto piloti, fortunatamente nessuno ha riportato gravi conseguenze, anche se Di Luca e Perri sono stati portati in ospedale per accertamenti. Ritirato subito dopo il via anche Danilo Marrancone che partiva dalla prima fila per la rottura della frizione.

Nella Superbike poker di Marco Borciani (Ducati Sterilgarda) che mette una seria ipoteca sul campionato 2007. Il casco tricolore in carica ha praticamente dominato la corsa anche se nel finale ha tirato un po’ i remi in barca permettendo così al rivale Norino Brignola (Ducati Guandalini) di avvicinarlo fino a terminare a poco più di due secondi dal vincitore. Terzo, ma con un ritardo notevole Luca Conforti (Honda – Emmebi Team). Ritirato per problemi meccanici al quinto giro Ayrton Badovini (MV Agusta) che partiva dalla prima fila con il terzo tempo.

Nelle tre classi del Campionato Yamaha, vittorie del marchigiano Marco Bussolotti nella Metzeler Cup, del laziale Danilo Paoloni nella Santander Cup e del romagnolo Roberto Rossi  nella Leo Vince Cup.

Il campionato ora effettuerà una lunga sosta per tornare sempre a Misano il prossimo 16 settembre.

Fonte: motociv.com

Share Button